2015 - Chilometro Green

Vai ai contenuti

Menu principale:

Concorso di idee per Istituti Superiori
"Chilometro Green"

Etica del concorso

Uno dei problemi ancora insoluti nei centri storici delle nostre città è il trasporto di persone e merci nell’ultimo tratto dello spostamento, per arrivare a destinazione in modo rapido, sicuro, efficiente, a costi ragionevoli ed a basso impatto ambientale, con modalità e veicoli confortevoli e adeguati, anche dal punto di vista estetico.

Senza avere la pretesa di risolvere il problema, è utile e necessario applicarsi per individuare e promuovere tipologie di veicoli e modalità di spostamento di persone e cose che possano aiutare la diffusione di una mobilità sostenibile, al fine di migliorare la qualità dell’aria e della vita nelle città.

Dopo il grande successo delle biciclette assistite sul mercato nazionale e internazionale, si può pensare ad una tipologia di modelli più evoluti, a tre, quattro o più ruote, coperti almeno parzialmente per riparare dalla pioggia e più sicuri rispetto alla semplice bicicletta.

Il Progetto ACI
Chilometro Green per l’anno scolastico 2014/15 per le Scuole Medie Superiori, segue il concorso dell’anno scolastico 2013/14, sulla scia del successo per la sensibilizzazione sul tema della mobilità sostenibile. L’obiettivo è stimolare la fantasia, la creatività e l’entusiasmo dei giovani.

Il Bando

Il progetto Chilometro Green è mirato verso le scuole superiori proprio per sensibilizzare sul tema della mobilità sostenibile, stimolando la fantasia, la creatività e l’entusiasmo dei giovani.

SCADENZA PROROGATA PER LA CONSEGNA DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA
AL 23-09-2016

SCARICA IL PDF CON IL BANDO 2015

PREMIAZIONE E PRESENTAZIONE PROTOTIPI

Scheda tecnica 2015

Si prevede di premiare le migliori realizzazioni di veicoli a pedalata assistita a tre, quattro o più ruote, coperti almeno parzialmente, per le seguenti categorie.
1) Trasporto di persone e cose
2) Trasporto merci (bici cargo), pacchi, rifiuti, piante (vasetteria, attrezzi di lavoro), veicoli a supporto di mestieri, professioni o attività particolari (infermieri per assistenza domiciliare), ecc...
3) Trasporto di una persona portatrice di disabilità.


Torna ai contenuti | Torna al menu